Ricerca

mercoledì 24 ottobre 2012

Caro Premier, stop all'aumento delle multe!!!


L’ASAPS chiede a Monti di sospendere l’incremento delle sanzioni del codice della strada previsto da gennaio 2013 pari al 5,9%
Le sanzioni dal 1993 hanno già subito 9 aumenti biennali e l’incremento medio è stato almeno del 51% e salirà al 59%
In un momento di grave crisi sarebbe incomprensibile


L’ASAPS, in questa fase di grande difficoltà per il Paese, con riflessi gravosi per gli automobilisti, autotrasportatori e per la mobilità in genere chiede al Presidente Mario Monti e al  Governo di sospendere l’aggiornamento  biennale delle sanzioni previsto dall’art.195, comma 3 del Codice della Strada che dovrebbe scattare dal prossimo 1° gennaio 2013.
Il Codice stabilisce che entro il 1° di dicembre, il Ministro di grazia e Giustizia  di concerto con gli altri ministeri fissi i nuovi limiti delle sanzioni amministrative pecuniarie pari all'intera variazione, accertata dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nei due anni precedenti.
La variazione per il biennio in corso sarebbe intorno al 6%, esattamente il 5,9% secondo un’analisi fatta dalla rivista Quattroruote.
Vogliamo ricordare che quello del prossimo 1° gennaio sarebbe il 10° aumento biennale dall’entrata in vigore del Codice dopo quelli del 1995, 1997, 1999, 2001, 2003, 2005, 2007, 2009, 2011.
Un divieto di sosta nel 1993 prevedeva una sanzione di lire 50.000 (Euro 25,82) nel 2012 la sanzione è salita ad euro 39 (+51%) e se l’aumento non sarà sospeso salirà ad euro 41 (+59%).
Il mancato uso delle cinture è passato dalle iniziali lire 50.000 (Euro 25,82) ad euro 76 nel 2012 anche per gli incrementi previsti dal legislatore con le norme succedutesi nel tempo e salirà ad euro 80 dal 2013. Per quanto riguarda l’uso del cellulare senza auricolare o viva voce siamo passati da 50.000 lire (euro 25,82) nel 1993 ad euro 152 di oggi, che diventeranno euro 161  dal 2013. Anche il superamento dei limiti da 10 fino a 40 km/h  è passato dalle 200.000 lire iniziali (euro 103,29), ad euro 159 nel 2012 che diventeranno 168 nel 2013.
In una fase nella quale gli stipendi sono bloccati in ogni programmato aumento, una misura come quella dell’incremento biennale delle sanzioni pecuniarie appare estremamente sgradevole per gli automobilisti e potrà forse essere ritenuta utile dalle varie amministrazioni che confidano di incassare dalla violazioni della strada una parte delle somme tagliate dalle varie misure di contenimento dei costi. Questa misura aumenterebbe inevitabilmente, in questo momento, la distanza fra controllori e controllati.
Ricordiamo anche che la sospensione dell’aggiornamento non avrebbe bisogno di nessuna ricerca di entrate di copertura per mancati introiti, non sono necessari i cosiddetti saldi invariati, in quanto si presume che l’incremento non sia stato già calcolato nei bilanci delle amministrazioni locali o dello Stato. La diminuzione del traffico e i comportamenti virtuosi in crescita non possono far prevedere incrementi dalle sanzioni.

Per altro l’aggiornamento previsto entrerebbe anche in contraddizione con la nuova normativa di modifica del Codice in fase di finale approvazione dal Parlamento, che prevede uno sconto del 20% per chi pagherà cash o entro i 5 giorni dalla contestazione.
I costi dei carburanti, delle assicurazioni, delle autostrade stanno rendendo difficile la mobilità per tanti cittadini con redditi medio bassi e stanno affossando il mercato dell’auto.
Lo sbilanciato aumento automatico delle sanzioni, rispetto agli stipendi, anche in considerazione del miglioramento dei dati della sicurezza stradale, appare oggi difficilmente comprensibile.

Forlì, lì 22 ottobre 2012

Giordano Biserni
Presidente ASAPS


SCHEDA ESEMPLIFICATIVA DELLO STORICO DEGLI AUMENTI DELLE SANZIONI

L’art. 195, comma 3, del Codice della Strada prescrive “La misura delle sanzioni amministrative pecuniarie è aggiornata ogni due anni in misura pari all'intera variazione, accertata dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nei due anni precedenti. All'uopo, entro il 1° dicembre di ogni biennio, il Ministro di grazia e giustizia, di concerto con i Ministri del tesoro, dei lavori pubblici, dei trasporti e per i problemi delle aree urbane, fissa, seguendo i criteri di cui sopra, i nuovi limiti delle sanzioni amministrative pecuniarie, che si applicano dal 1° gennaio dell'anno successivo….omissis…..”



3 commenti:

  1. Paolo Tatty Maggiori25 ottobre 2012 14:08

    Sono pienamente concorde con il Presdiente Biserni, sarebbe assurdo applicare uno sconto e nello stesso momento aumentare le sanzioni. Noi che lavoriamo tutto il giorno sulla strada siamo ormai dei "Gabellieri" più che degli Agenti. Inoltre oltre ai problemi di denaro che abbiamo tutti noi, in questa zona che è stata toccata dal terremoto di Maggio, anche pochi EURO fanno la differenza. Sarebbe bello che se questo aumento venisse bloccato, come io spero, i TG diano la notizia che anche le forze di Polizia hanno contribuito a questo blocco, perchè la gente lo deve sapere che noi siamo dalla loro parte. Anche noi siamo cittadini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci riprovo, anche se dal tablet non e' facile. Complimenti per l'iniziativa che attesta della sensibilita' di categorie professionali troppo spesso bistrattate. Mi pare pero' che sarebbe piu' efficace ed anche, consentitemi, piu' eticamente sostenibile, abrogare, rectius modificare, quell'inciso della 689 che pone a carico del trasgressore le spese di procedimento nelle quali in questi anni ci si e' fatto rientrare di tutto e che ha determinato lo strano fenomeno per cui la stessa infrazione prevedeva sanzioni pecuniarie diverse a seconda di dove la prendevi o, addiritura, di quale forza di polizia la elevava. Non parliamo poi di noleggi velox finanziati esclusivamente dalle spese di cui sopra. Sostengo quindi che una semplice riscrittura del'art. 16/689 del tipo: "tutte le spese di accertamento,procedimento e notifica, sono in capo all' organo accertatore" consentirebbe una immediata riduzione degli importi, una uniforme applicazione delle norme su tutto il territorio nazionale e una minor disinvoltura procedurale in chi confida che paghi sempre Pantalone.
      Saluti e complimenti

      Elimina
  2. Buongiorno.
    Facendo servizio con assistenti Capo anziani della Polizia di Stato negli anni 90, mi pare di ricordare che un tempo le sanzioni pecuniarie fossero commisurate al valore dell'auto.
    Si potrebbero introdurre 2, 3, o 4 valori monetari diversi a seconda della situazione economica e/o del valore dell'automobile. Intendo dire che l'aumento, se ci sarà, dovrà riguardare solo certe categorie e non altre. In riferimento al commento numero 1: I POLIZIOTTI SOTTOLINEANO CHE SONO UOMINI, CITTADINI, PADRI, MARITI che FANNO I POLIZIOTTI. Pertanto tutto quello che al "normale" cittadino viene applicato, viene applicato anche al POLIZIOTTO. Sicurezza diminuita, sanzioni al Codice Strada, aumento aliquota irpef, diminuzioni detrazioni su 730 etc etc.
    Buona giornata a tutti.

    RispondiElimina

La regola è semplice: firmarsi.